Unghie da museo

A volte ci capita di invidiare un’amica o una collega perché ha delle belle mani curate e incastonate alle dita sfoggia delle bellissime unghie brillanti come gioielli e dalle fantasie cromatiche da fare invidia ai migliori artisti impressionisti.


L’arte di decorare le unghie si chiama Nail Art ed ha raggiunto livelli di perfezione e di tecnica da rappresentare ormai una vera e propria forma d’arte.
A partire dagli anni venti la cura delle unghie ha avuto un crescendo che ha portato dalle tecniche più semplici, come la Paris nails che prevedeva due gradazioni di rosa, uno più scuro sui bordi dell’unghia e uno più chiaro al centro, a tecniche talmente sofisticate ed estreme da rasentare il kitsch. Successivamente Revlon offrì alle donne l’opportunità di  una vasta gamma di colori per smaltare le unghie. La Nail Art vede oggi l’impiego di una vasta serie di accessori e specifici pennelli come gli stripping, lo spot swril e i pennelli a punta fine ideati appositamente per decorare le unghie nelle maniere più impensate applicando le decorazioni direttamente su di esse oppure su un’unghia finta ottenuta facendo indurire un gel.

E così le dita sfoggiano alla loro sommità dei piccoli capolavori d’arte decorativa che ormai fanno parte dello styling di ogni donna che ama prendersi cura di sé in ogni dettaglio.
Si possono ammirare  perfette geometrie e giochi di colore, tramonti esotici, fiori e frutta, cuori e stelline, volti e animali, pelle di serpente (nail art pitone), piccole sculture e gioielli veri e propri (nail art jewelery) e perfino inserti in oro (gold manicure).
La cura delle unghie richiede un’attenzione costante e una bravura non indifferente nell’applicazione e anche nella rimozione del prodotto. Piccole accortezze banali come l’utilizzo di smalti top coat, i cosiddetti “lucidanti”, sono fondamentali perché oltre a rendere lo smalto più duraturo e lucido facilita anche la rimozione in quanto rende uniforme e compatto il colore.

Questo trucco ci permette di facilitare l’azione dello specifico remover (tecnica e tempo di posa di rimozione dipendono dal tipo di trattamento effettuato), e farlo con criterio è essenziale per non danneggiare il letto ungueale.
Quelle semplici cellule ricche di cheratina si sono trasformate in una tela artistica in cui si esprime talento ma anche personalità, voglia di essere e di apparire, desiderio di esprimersi e di piacere.
In una parola sono divenute un “graffio di seduzione”.

 

Scritto da AleDale