come scegliere l'applicatore del mascara

Come avrete capito dai miei articoli, le ciglia sono un argomento che mi sta molto a cuore. Quest’oggi voglio parlarvi di come scegliere il mascara in base all’applicatore, o scovolino, come più vi piace chiamarlo. Diciamo che il 50% dell’efficacia, o dell’inefficacia, del mascara è dovuta all’applicatore; il resto è dovuto dalla formula. Ma quando ci rechiamo in negozio per acquistare un mascara, sicuramente quello che valutiamo è l’applicatore.


Esistono vari tipi di applicatori: grandi, sottili, in fibre sintetiche o naturali. Vediamo insieme come orientarci in questo caos.
Quello sicuramente più diffuso è l’applicatore a setole piene e regolari. Di grandi dimensioni, serve a prelevare quanto più prodotto e di applicarlo abbondantemente sulle ciglia, per un effetto pieno e voluminoso. Questo tipo di scovolino è più adatto a chi ha gli occhi grandi, o comunque nella norma, e molte ciglia. Altro scovolino molto diffuso è quello che si va a restringere verso la punta, quindi è leggermente più sottile del primo. La punta di questo applicatore serve per andare a lavorare meglio le ciglia, soprattutto nell’angolo interno dell’occhio, per una maggiore definizione.
Per chi ha delle ciglia abbastanza dritte, lo scovolino perfetto è quello incurvato. Non è molto grande quindi si presta bene a tutti i tipi di occhio, e serve proprio a piegare le ciglia e quindi ad avere un effetto a “ventaglio”. Per quanto riguarda la forma dello scovolino, ne troviamo altri due dalle forme un po’ strane: quello a clessidra, anche molto grande, che grazie alla sua forma prende bene tutte le ciglia, le definisce e dona volume; e quello piccolo e tondo: forse è il più strano in commercio, e anche il meno popolare, questo applicatore va a lavorare su piccoli ciuffi di ciglia, andandole a separare.
Oltre alla forma, anche il materiale di cui è fatto lo scovolino è importante. Come detto prima, abbiamo scovolini in fibre naturali e in fibre sintetiche. Non vi è una sostanziale differenza tra i due; entrambi svolgono bene il loro lavoro. Sicuramente hanno una consistenza diversa: quelli in fibre naturali sono più morbidi, facili da usare, soprattutto per chi ha già di suo delle belle ciglia; invece quelli in fibra sintetiche sono più duri e rigidi e sono consigliati a chi ha ciglia sottili e quindi deve lavorarle di più.
Spero di avervi aiutato a capirci qualcosa in più su come acquistare il mascara perfetto. Ogni occhio e ogni ciglia ha delle esigenze diverse; teniamo conto di questo e non della forma più accattivante o esteticamente bella.

 

scritto da Giulia De Caro